Focusing

Il Focusing nasce dagli studi dello psicoterapeuta e filoso Eugene Gendlin, dell'Università di Chicago, che negli anni 70 si chiede: perché alcune psicoterapie funzionano e altre no? Cos'è che permette veramente di cambiare?

Registrando e studiando centinaia di colloqui di psicoterapia, il team di Gendlin scopre presto cosa fa la differenza, e lo chiama "focusing".

E' l'abilità, che alcuni possiedono spontaneamente e altri no, di ascoltare un vissuto interiore profondo, al di là dei pensieri e delle semplici emozioni, che contiene tutta la nostra saggezza e che parte dal corpo.

Ne nasce una disciplina che tutti possono imparare e, cosa ancor più bella, praticare anche in autonomia, o con un partner alla pari; ovvero ci incontriamo, due praticanti e nessun terapeuta, e pratichiamo insieme, un po' per uno, anche via Skype.

Nel 1981 esce il primo manuale e da lì in poi il Focusing inizia a diffondersi in tutto il mondo. Attualmente è diffuso un po' ovunque e insegnato come disciplina anche in molte università.

A cosa serve praticare il focusing?

Serve a stabilire una buona relazione con se stessi, con tutto quello che abbiamo dentro. Anche quello che non ci piace, anche quello che non vorremmo vedere, anche con quello che ci è difficile ascoltare.

E come succede sempre quando una relazione è buona, tutto diventa più facile: prendere decisioni, comportarsi in modo da ottenere ciò che vogliamo, intraprendere buone relazioni anche con gli altri, uscire da un momento di crisi.

Per imparare il focusing è necessaria, all'inizio, una guida; queste guide si chiamano "trainers". La lista dei trainers certificati dal The Focusing Institute di New York (la "casa" del focusing) è disponibile qui, insieme a quella dei terapeuti che utilizzano in focusing con i loro pazienti.

Le persone che hanno imparato a fare focusing dicono cose come "mi sento più me stesso", "mi sento più vivo", "finalmente sono riuscito a...".

Oltre alla pratica individuale, è possibile usare il focusing per risolvere crisi o conflitti di coppia, o di gruppo. Si chiama focusing interattivo (interactive focusing) e aiuta ad ascoltarsi ed esprimersi, dal profondo e con rispetto.

 

L'unico modo per farsene un'idea è provare. Per questo offro a chi è interessato una prima sessione gratuita, senza impegno.

 

Per informazioni sul Focusing, è possibile consultare la pagina facebook "Vita e focusing".