Blog

gen 9, 2018

Mindfulness per la cura di sé

Stiamo per iniziare un nuovo MBSR, il percorso per conoscere e guarire profondamente noi stessi.

E qualsiasi cosa ci porti lì, arriveremo dove "intuizione e saggezza sono naturalmente disponibili quando si fa loro appello con un cuore sincero".

Sotto trovate una bella poesia. E' lunga, ce la possiamo concedere?

 

Categoria:Corsi 

La preghiera della sensazione sentita

 

Sono il dolore nella tua testa, il nodo nello stomaco, il dolore inespresso nel tuo sorriso.

Sono il troppo zucchero nel sangue, la tua pressione alta, la tua paura della sfida, la tua mancanza di fiducia.

Sono le tue vampate di calore, le tue mani e piedi freddi, la tua agitazione e la tua fatica.

Sono la tua mancanza di respiro, la tua fragile schiena, il tuo crampo al collo, la disperazione nel tuo sospiro.

Sono la pressione sul tuo cuore, il dolore sul tuo braccio, il tuo addome gonfio, la tua costante fame.

Io sono dove ti duole, la paura che persiste, la tua tristezza dei sogni insoddisfatti.

Sono i tuoi sintomi, le cause della tua preoccupazione, i segni di squilibrio, la tua condizione di dis-agio.

 

Tendi a rinnegarmi, sopprimermi, ignorarmi, ingigantirmi, coccolarmi, condannarmi.
Non mi presento per me stesso, poiché non sono separato da tutto ciò che sei.
Vengo per attirare la tua attenzione, per obbligarti ad abbracciarmi in modo da poter rivelare i miei segreti.
Ho a cuore solo i tuoi migliori interessi mentre cerco salute e interezza semplicemente annunciando me stesso.
 
Di solito vuoi che me ne vada immediatamente, che sparisca, che ritorni nell'oscurità.
Per lo più sei irritato o spaventato e molte volte scioccato dal mio arrivo.
Con questo atteggiamento cerchi dei farmaci per sradicarmi.
Ignorarmi, non esplorarmi, è la tua risposta preferita.
La maggior parte delle volte io sono solo le ultime note di una lunga sinfonia, i rami più evidenti di radici che sono state sfidate per tante stagioni.
 
Quindi ti imploro, sono un messaggero con buone notizie, per quanto inquietante io possa essere a volte.
Sto cercando di riportarti a quei luoghi teneri in te stesso,
quel posto dove puoi abbracciarti con compassione e onestà.
Se guardi oltre il mio aspetto potresti scoprire che io sono una voce della tua anima.
Che ti chiama da luoghi profondi che cercano il tuo allineamento cosciente.
 
Potrei chiederti di modificare la tua dieta, dormire di più, fare attività fisica regolarmente, respirare più consapevolmente.
Potrei incoraggiarti a vedere una realtà più vasta e preoccuparti meno delle fluttuazioni quotidiane della vita.
Potrei chiederti di esplorare i legami e le ferite delle tue relazioni.
Potrei ricordarti di essere più generoso ed espansivo o di occuparti di proteggere il tuo cuore dall'insulto.
Potrei farti ridere di più, trascorrere più tempo nella natura, mangiare quando hai fame e meno quando sei addolorato o annoiato, passare del tempo ogni giorno, anche se solo per pochi minuti, stando fermo.
 
Ovunque io ti conduca, la mia speranza è che ti renderai conto che il successo non sarà misurato dal mio estirpamento, ma dal cambiamento nel panorama interiore da cui emergo.
 
Sono tuo amico, non il tuo nemico. Non ho alcun desiderio di portare dolore e sofferenza nella tua vita.
Ti sto semplicemente tirando per la manica, troppo a lungo insensibile ai miei cenni gentili.
Desidero che tu mi permetta di parlarti in un modo da ravvivare i tuoi istinti superiori per la cura di te.
Il mio compito è di stimolarti ad ascoltarmi con l'orecchio e il cuore sensibili
di una madre che si prende cura del suo prezioso bambino.
 
Sei un essere così vasto, così complesso, con incredibili capacità di autoregolazione e guarigione.
Lasciami essere uno dei precursori che ti conducono al nucleo misterioso del tuo essere
dove intuizione e saggezza sono naturalmente disponibili quando si fa loro appello con un cuore sincero.
 
--Autore sconosciuto